HomeBiografiaOpereFoto VideoEventiRassegna stampaContattiLinks

Mimì Cafiero

Parenti, 1959

Ilisso-Rubbettino, 2006

 

Il romanzo - veloce, dai dialoghi che sembrano stenografati dal vero - scandaglia i vizi e le vanità d'una chiusa provincia calabrese. È ambientato in un'inedita Reggio Calabria degli anni immediatamente seguenti all'avvento del fascismo, e trae spunto da un fatto di sangue realmente accaduto e rimasto famoso come il "delitto del cieco". All'interno di una fosca trama da libro giallo: Mimì Cafiero, piccolo proprietario terriero, ammalato di gallismo e di malavita, la cui unica preoccupazione è quella di trovare una donna con cui andare a letto o di vendicarsi di un torto; Peppino Zuccalà, impiegato di concetto, suo amico-rivale; Lina, ragazza di paese rassegnata a un destino avverso contro cui infine si rivolta; Ciccio, il fratellastro-servo mezzo uomo e mezzo animale, danno vita a un intreccio avvincente, specchio di un variegato universo di costumi.

Mimì Cafiero è un romanzo che sarebbe piaciuto a Vitaliano Brancati; e che dimostra ancora una volta la vitalità di quel filone meridionale e verghiano che rappresenta uno dei più cospicui patrimoni della nostra narrativa moderna.

 




Parenti - 1959

Ilisso-Rubbettino - 2006

   acquista il libro presso Rubbettino

   acquista il libro presso Ilisso

   acquista il libro su BOL.it

   acquista il libro su HOEPLI.it

acquista il libro si IBS.it

acquista il libro su libreriauniversitaria.it

acquista il libro su deastore.com

   
 

Caffè letterario Mario La Cava
Corso Umberto I, 112
89034 Bovalino (RC)
info@mariolacava.it