HomeBiografiaOpereFoto VideoEventiRassegna stampaContattiLinks

Vita di Stefano

Edizioni Salvatore Sciascia, 1962

Ilisso-Rubbettino, 2006

 

Scrittore soprattutto di «caratteri» e «moralità», Mario La Cava in questo romanzo (che da inedito vinse, nel 1960 - ex aequo con quello di Teresa Carpinteri - il premio «Luigi Monaco», affronta con la stessa asciuttezza di segno, il «ritratto»: figure ed ambiente. Questo è il solito a lui caro: un paese della Calabria, che è un pò l'immagine di quello in cui egli è nato e dimora, e un pò l'allegoria della vita di provincia, grigia, monotona, pettegola, eppur ribollente, al fondo, di passioni anche generose; e le figure, che appartengono a quell'umile gente per la quale il raggiungimento di un pur modesto benessere resta spesso vano miraggio, sono colte nei loro rapporti familiari o di vicinato, di amicizia o di inimicizia, interesse o amore.

Al centro di questo coro, Stefano, nella cui amara vicenda, di giovane dalla viva sensibilità morale ma inetto a tradurla in fatti, in azione, si riflette il disagio di una generazione cresciuta nell'infausto «ventennio».

Un ritratto minuto e pur conciso, inteso quale è a rendere l'elementarità di tale mondo attraverso l'essenzialità dei gesti e soprattutto del parlato, come in un mimo; con effetti che, se talora possono sembrare ingenui o semplicistici, in verità rispondono ad un gusto educato sui classici, di un realismo scarnificato, memore insieme della lezione dei «primitivi» e di quella del Verga.

 

 

La vicenda del romanzo, caratterizzato dalla semplicità della struttura narrativa, allo stesso tempo chiara e precisa, è imperniata sulle vicissitudini di Stefano, giovane antifascista disoccupato, dalla complicata psicologia, intorno al quale brulica una comunità viva e vera: dalla madre a Clelia; dalle sorelle, mortificate nella loro condanna a restare zitelle, a Camillo, così umano nella sua rassegnazione alla pena e alla fatica del vivere.
Anche le notazioni politiche, gli accenni al fascismo, che questa povera gente istintivamente ripugna, sono in generale sobri e raramente esorbitano dai limiti psicologici dei personaggi.

 

Premio Villa San Giovanni 1962

 




Salvatore Sciascia - 1962

Ilisso-Rubbettino - 2006

   acquista il libro presso Rubbettino

   acquista il libro presso Ilisso

acquista il libro su libreriauniversitaria.it

acquista il libro su deastore.com

 

Caffè letterario Mario La Cava
Corso Umberto I, 112
89034 Bovalino (RC)
info@mariolacava.it